lunedì 17 novembre 2014

LA NOSTRA MARATONA DI ATENE

Ecco un breve resoconto della maratona di Atene di domenica 8 novembre:

La mattina inizia presto con viaggio in pulman verso la città di Maratona dove lo stadio accoglie il riscaldamento e i servizi annessi per tutti gli atleti, poi dalla leggendaria piana di maratona gli oltre 10000 concorrenti (l organizzazione prevedeva anche un 10k e 5km, per un totale di oltre 30000 corrodori) che con partenze scaglionate iniziano la loro personale storia. La strada non è di quelle americane, primi km piani e giro d’onore attorno al Soros, tumulo dove sono sepolti gli ateniesi caduti in battaglia. L’ emozione è tanta perché non vola una mosca.

 

La strada continua verso Atene, scandita da cartelli chilometrici color marroni piantati nell’asfaltato segno che si sta percorrendo la storica maratona.

 

Dall’ ottavo al trentunesimo chilometro si passano vari centri abitati abitati caratterizzati da ali tifo musica e falsi piani, sino al 15° dove la salita e il caldo (circa 30°)  diventano i protagonisti della parte centrare della corsa. 

 

Gli ultimi chilometri sono meravigliosi la gente ti incita (e non ti attraversa la strada), i ristori e l’assistenza medica non manca mai, la musica è altissima e la città regala scorci di storia incredibile, si passa una statua di un corridore in vetro da 8 tonnellate, si sente profumo di arrivo ultimi sforzi prima di catapultarci nel viale verde adiacente al mitico panathinaiko stadium 

le ali dello stadio bianco granitico sono gremite di persone che incitano ultimi metri in pista si vola al traguardo … una dei più belli al mondo.

 

grazie Atene
 
 
 
Stefy & Eugenio
 
 

3 commenti:

  1. Con un po' d'invidia bravi e complimenti.........

    RispondiElimina
  2. Bravi raga...spero di poterla correre anche io un giorno; il mito nasce lì!!

    RispondiElimina